Il Seme – Barbara Serdakowski

Se ci fossero soltanto le ore, il tempo, le stagioni: nient’altro che l’inevitabile. La gente, si sa, si lamenta tanto proprio di queste cose immutabili, alle quali non si può fare niente. Per Minonne l’inevitabile sarebbe stato una cosa accettabile, era il resto che diventava problematico. L’uomo si era alzato, la gamba e il piede nudi e freddi, aveva tirato[…] Avanti

 

La fine del mondo è un’altra storia – Barbara Serdakowski

La ragazza camminava tranquillamente sulla spiaggia, no, su una strada asfaltata bordata di cespugli di pungitopo, no, di lauro. Era bella, slanciata, giovane e attraente, no, sì. I suoi passi, come tutti quelli di giovani donne sicure di loro stesse, sapevano esattamente dove la portavano: uno per uno, coscia dopo coscia, polpaccio dopo polpaccio. I tre pulitori di vetri sospesi[…] Avanti