Anfibi di cristallo – Ida Daneri

Lidia era lì, in mezzo alla campagna e in piena notte. Faceva freddo, con gli ingombranti anfibi e il giubbotto striminzito di finta pelle scura. I lunghi capelli neri, disordinati spaghetti, si annodavano nel vento gelido, annoiati e distratti. Cosa diavolo ci faceva in quel posto di merda, la vista inutile nella nebbia fitta e maleodorante? Un colpo di vento[…] Avanti