Il Custode e l’Avventura – Piero Travaglini

Durante il viaggio in treno, breve ma fastidioso per via del caldo estivo e della folla di passeggeri che in quel tratto locale aumentava ad ogni fermata, creando una sensazione di soffocamento, Edda balzò in piedi, uscì sul corridoio, aprì il finestrino e respirò a pieni polmoni. In faccia al mare che da quel lato bordeggiava la ferrovia. Si sentiva[…] Avanti

 

Tobia – Stefano Ravaglia

C’era qualcosa di magico e di sinistro nella notte romagnola. Lo pensava spesso Tonio ogni volta che si faceva inghiottire dal suo silenzio per uscire a pescare, come faceva in ognuna di quelle notti. Un silenzio che faceva rumore. La stelle e la luna che si rifletteva sulle acque di Porto Corsini, dove si era stabilito da poco e dove[…] Avanti

 

Il Mondo di Pulp – Stefano Ravaglia

Questa è la storia di Pulp. Lo chiamavano così, ma vai a capire se fosse il suo vero nome. Non credo proprio. Io alla fine non l’ho mai scoperto. Pulp come Pulp Fiction, come l’ultimo libro di Bukowski che puzzava di morte. Successe d’estate. Il mio Pulp, il nostro Pulp, lo avevamo conosciuto al campeggio. Marina Sottobosco era invasa dai[…] Avanti

 

Il Giardino di Giulia – Claudio Marsella

Le prime luci dell’alba illuminavano tutta la vallata. Gli enormi aceri, cresciuti liberi, allungavano i loro contorti rami verso quella tenue luce come a volersi nutrire al più presto di quella linfa vitale. Tutto era madido di rugiada e gli uccelli intrecciavano i loro voli spericolati in cerca di cibo nel nuovo giorno che stava arrivando. La casa di Giulia[…] Avanti

 

L’Ora della Partenza – Claudio Marsella

La disperazione sul suo volto, il vento che gli percuote il viso e gli annebbia la vista, la terra che si avvicina sempre di più è la fine, sta precipitando e niente ormai può salvarlo da quell’inevitabile destino vorrebbe urlare, gli manca l’aria, non ce la fa più a respirare, vede ormai quelle rocce aguzze venirgli incontro inesorabilmente -Nooo- -Calmati[…] Avanti

 

Dal Congo……. a Campomarino. (Storia di un migrante) – Vincenzo Melino

E’ una splendida giornata di fine aprile. Nell’aria profumi di viole e di glicine, di biancheria stesa ad asciugare e di pane caldo appena uscito dal forno. Jua Rafiki ha trovato, da pochi giorni, un lavoro stagionale nei campi, a ridosso di Termoli. Tra le zolle da coltivare, cumuli di amarezze e di ricordi cristallizzati. Rumore di torrenti, sole scherzoso[…] Avanti

 

Le catene del sogno – Francesca Paolucci

Ero incatenata ad una croce; un frate di fronte a me urlava: “Ammetti le tue colpe, strega! Libera la tua anima dal Maligno!”. Io ero lì, ma in realtà era come se guardassi attraverso uno specchio. Sentivo un forte dolore e un odore di carne bruciata. Il frate avvicinava il ferro rovente alle mie carni, ma non potevo muovermi; i[…] Avanti

 

Il caldo binario per l’inferno – Enrico Teodorani

Il treno locale si arrestò alla stazione di Forlì. Lo scompartimento dove stava Francesca si svuotò completamente e lei allungò le gambe, si stiracchiò e accese una sigaretta. Udì lo stridio delle porte pneumatiche che si richiudevano e, quasi contemporaneamente, il convoglio si mise in moto. Alle spalle della donna la porta di comunicazione con l’altro scompartimento fu violentemente aperta.[…] Avanti

 

L’anima delle cose – Enrico Teodorani

Francesca stava sbrigando le faccende di casa, ma qualcosa non andava. Sembrava quasi che la scopa non volesse obbedire ai movimenti obbligati che le imponeva e facesse attrito sul pavimento, anzi sembrava quasi spingesse dalla parte opposta, come fosse dotata di vita propria. “Devo essere un po’ stanca”, penso Francesca. Appoggiò la scopa ad un tavolino e si mise a[…] Avanti

 

Introduzione ai Vedovi Neri di Isaac Asimov

Per chi non lo sapesse… I racconti gialli legati al Club dei Vedovi Neri vennero scritti da Isaac Asimov a partire dal 1971 per la pubblicazione su riviste, l’Ellery Queen’s Mystery Magazine principalmente. Il club, rigorosamente “al maschile” (da qui il nome), si ispira, come i suoi sei partecipanti, a uno veramente esistito (Trap Door Spiders) di cui l’autore era[…] Avanti