La Visione – Gianluigi Redaelli

Che sia di capodanno, lo so di certo, per moltissimi motivi. A causa di varie allusioni o di cenni, nel periodo che precedette la costruzione dell’atmosfera irreale vera e propria. A causa della sensazione di festa e di luce e di colori e di gente allegra, intorno a me. E anche per la parola cenone che mi frulla continuamente nelle[…] Avanti

 

La mano di Dodi – Gerardo D’Orrico

La macchina per trasformarti esiste, un mondo diverso è già qui, legalmente si potrebbe realizzare, legalmente è necessario farlo nella più grande porzione. Le tue necessità che si alleggeriscono per forza cioè che non puoi restare, tu l’hai capito quello, si è fermato a una mezza parola, lui è la persona più importante che ci sia nel quadro generale istituito.[…] Avanti

 

L’Ultimo Tatuaggio – Marco Parisi

L’anziano sedeva nel letto d’ospedale, circondato da schermi luminosi e tubicini di plastica pieni di liquido. Dalla sua posizione osservava l’uomo giunto fin lì, al suo capezzale, da un passato lontano. — Lei è… Lei… — balbettava l’anziano con voce roca. L’uomo si limitò a un cenno di assenso del capo, accompagnato da un breve movimento della mano destra, come[…] Avanti

 

Il Libro di Gutenberg – Marco Parisi

Chi lo avrebbe mai letto? Nessuno ovviamente, a parte lui. Non aveva scelta in fondo, mosso com’era da curiosità e deformazione professionale. Il signor Gutenberg, come lo chiamavano i ragazzi del paese ironizzando sulla sua età e il suo ruolo, teneva in mano quel libro come se fosse un essere in fin di vita. Con le dita nodose lo rigirava[…] Avanti

 

Rossetto sulla Guancia – Mattia Bagnato

   È difficile pensare con lucidità quando dentro di te ti senti invaso da un’oscurità così fitta, tanto densa che non riesci nemmeno a riconoscere le distanze tra un’idea ed un’altra. È come saltare da un palo all’altro trovandosi sospesi a decine di metri d’altezza, di notte per giunta, con aria di burrasca che rende precario ogni tuo passo, ogni[…] Avanti

 

L’Amore ai Tempi dell’Ospizio – Mattia Bagnato

Ciò che non vuoi lasciarti indietro    «Mi senti? Tesoro, mi senti?»    La voce di Emma si perde nel fracasso degli altri parenti e degli anziani degenti della casa di riposo, ma lei è abbastanza vicina perché le sue parole arrivino alle orecchie di Gregory. Il problema non è il volume della voce, che alla sua età è già[…] Avanti

 

Ricordi di Settembre – Walter Bressi

Quel pomeriggio fresco e umido di metà settembre si avviava ormai alla conclusione. Il sole, prossimo ad esaurire il suo slancio vitale, si adagiava comodo dietro le colline, rinverdite dalle piogge copiosamente cadute negli ultimi giorni. La lettura di Adam era di una di quelle per cui valeva la pena passare qualche ora in più col lumino acceso, nella speranza[…] Avanti

 

Robert Sheckley, un autore oltre gli schemi

Science fiction, fantasy o racconti gialli, per Sheckley non ci sono limitazioni di genere, eccelle in tutto purché possa descrivere le sue situazioni ironiche e paradossali. Di origini russe, nasce a New York nel 1928. La sua produzione letteraria vedrà la luce dei riflettori intorno agli anni ‘50 quando comincia a pubblicare i suoi primi libri e antologie. All’epoca il[…] Avanti

 

Il Trasferimento – Federico Berlioz

«Lascia che faccia il giro del mondo, è quello che ci vuole. Cosa c’è di meglio di un evento reale per urlare il tuo messaggio a un mondo che non vuole ascoltare?» Ore 05.30, venerdì mattina. Carcere di OPERA. Un secondino apre la porta della cella e ordina: «Raccogli i tuoi stracci e preparati per il trasferimento.» Sono già pronto.[…] Avanti

 

Damon Gallagher in “The Yellow Scarf” – Simone Censi

A volte ho la netta sensazione di essere solamente un personaggio e che il mio autore goda nel mettermi in mezzo a situazioni impensabili cercando ogni volta di farmi fuori. Questa volta fui contattato dalla segretaria di una ricca vedova che viveva sola in una villa a nord della contea dello Stafforshire, non amavo molto farmi commissionare lavori per telefono[…] Avanti