Telecomandi – Milena Pasini

Sono quattro, riversi sul divano di velluto azzurro.
Il più piccolo,”Div”, è consumato, quasi per ricordare che lavora per gente dinamica.
In sala da pranzo c’è anche il quinto,”Cond”, che se ne sta tutto solo sul mobile di ebano.
Lui non si vuole confondere con gli altri.
Tutti e cinque hanno questo in comune: offrire un servizio alle persone.
“Tiv”, il più anziano, è stato il primo ad entrare in casa. É meno sofisticato degli
altri, tuttavia, ai suoi tempi era già abbastanza elaborato.
“Vid”, il più piccolo di tutti si contraddistingue per la sua mole snella ed il colore elegante
grigio perla.
“Dec” è entrato in casa assieme a “Div” e pur essendo indipendenti sono molto simili:
leggeri snelli con tocchi di colore l’uno rosso, l’altro turchino che conferiscono
un’aria moderna.
“Dec” è al servizio di tutti gli altri e nessuno può fare a meno di lui.
Quando nella stanza si diffondono note musicali da un CD è lui, “Div”, il protagonista e
può aggiustare sintonie, toni e volume.
Chi però lavora più di tutti è “Tiv” il più anziano, poiché possiede il dominio di tutti
i programmi TV.
Fortunatamente “Vid” gli regala qualche momento di riposo. A lui spetta il compito di
scorrere le pagine del televideo per soddisfare le più svariate curiosità della famiglia.
Talvolta, in particolare di sera, avviene una vera e propria lotta per la contesa di “Tiv”
e di “Vid” e a soffrirne maggiormente sono proprio loro, sballottati malamente di
mano in mano. Spesso a mezzanotte sono talmente stanchi da sentirsi con le pile scariche.
“Cond”, al contrario è il più fortunato poiche può godere di momenti di riposo prolungato
specie nella stagione invernale. Le sue peculiari mansioni consistono nell’avvio
del condizionatore per dare sollievo e refrigerio durante l’afa estiva.

 

Nessuno dei cinque, tuttavia si lamenta: sono consapevoli che i loro colleghi ad alto livello
tecnologico hanno ben altri ritmi di lavoro e soprattutto responsabilità enormi.
Si sa che alcuni di essi vivono in una specie di prigione di cristallo, sorvegliati a vista e
dotati di sofisticatissimi congegni elettronici.
Si dice che quelli che abitano alla “Casa Bianca” possano essere avvicinati da una sola persona!
Non è certo questo un privilegio, bensì una vita da prigionieri, lontani dall’allegria delle persone.
Giunge voce che questi colleghi così importanti vivano in uno stato di terrore perenne,
coscienti che il loro compito sia uno solo: quello di distruggere!
“Click”, un solo tocco e sarebbe catastrofe!
Pare che una domanda rimugini continuamente nella loro testa:< Perchè essere importanti
significa spesso costituire un pericolo per l’umanità?>

 


Bio – Milena Pasini:

Milena Pasini vive in una piccola frazione del comune di Ravenna.
Laureata in Pedagogia, con indirizzo psicologico, all’università di Bologna ha svolto attività di inse-
gnamento nel settore dell’integrazione di alunni diversamente abili, curando anche progetti di integrazione scolastica di bambine e bambine provenienti da altre culture.
Nel 2000 ha pubblicato alcuni brevi racconti nell’antologia”La voce del cuore”Ediclub
e nel 2001ha pubblicato una poesia nell’antologia “Poesie d’Italia”Ediclub.
-Nel 2012 ha pubblicato il libro di genere fantasy, sez. Juvenilia, dal titolo “Mente & Cuore” edito da “Società Editrice Il Ponte Vecchio”di Cesena (FC).

Prezzo: EUR 6,00

 
To report this post you need to login first.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento